Errore
  • Il template per questa pagina non è disponibile. Contatta l'amministratore del sito.

Utilità

Ecco il R.E.N.T.Ri. al posto del Sis.T.Ri.

 Lo scorso 26 settembre è entrato in vigore il decreto legislativo 116/2020 che detta importanti novità in tema di gestione e produzione rifiuti, in attuazione delle direttive europee sull’economia circolare, (2018/851 e 2018/852).

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’11 settembre 2020, n. 226, il nuovo decreto ha apportato delle modifiche sostanziali alla parte quarta del Codice ambientale (il decreto legislativo152/2006) a cui dovranno adeguarsi tutti i soggetti che producono o gestiscono rifiuti.

Leggi tutto: Ecco il R.E.N.T.Ri. al posto del Sis.T.Ri.

SIS.T.RI. - Abolito dal 1° Gennaio 2019


La notizia dell’
abolizione del SISTRI è ufficiale, lo riporta un comunicato stampa emanato direttamente dal Ministero dell’Ambiente, il quale conferma che a partire dal 1° gennaio 2019, il Sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti pericolosi sarà abolito.

Leggi tutto: SIS.T.RI. - Abolito dal 1° Gennaio 2019

TARIFFA PUNTUALE: DOPO VENT’ANNI, IL DECRETO È IN GAZZETTA UFFICIALE

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 116 del 03 Settembre 2020 che modifica il D.Lgs. 152/2006. In particolare ha stabilito che per  01 Gennaio 2021 i Comuni devono applicare il pricipio di "CHI INQUINA PAGA" applicando di fatto una TARIFFA PUNTUALE così come era stato già stabilito nel 2017 dil il D.M. recante “Criteri per la realizzazione da parte dei Comuni di sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico o di sistemi di gestione caratterizzati dall’utilizzo di correttivi ai criteri di ripartizione del costo del servizio, finalizzati ad attuare un effettivo modello di tariffa commisurata al servizio reso a copertura integrale dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati”. Il regolamento, formalmente emanato in attuazione dell’art.1, comma 668, della legge 147 del 2013 (legge di stabilità), ha in realtà origini ben più “antiche”, visto che la sua adozione era prevista già dal dlgs 22 del 1997, il cosiddetto “decreto Ronchi”. Di fatto, insomma, l’adozione del regolamento è in ritardo di poco più di vent’anni.

Leggi tutto: TARIFFA PUNTUALE: DOPO VENT’ANNI, IL DECRETO È IN GAZZETTA UFFICIALE

MILLEPROROGHE: SANZIONI SISTRI SLITTANO AL 2018

Quarta proroga per il Sistri: senza il rinnovo della moratoria all’entrata in vigore del sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti e alle relative sanzioni, dal primo gennaio sarebbe venuto meno il doppio sistema di registrazione (cartaceo e informatizzato) per i rifiuti speciali pericolosi e sarebbero scattate le (salatissime) multe per chi non si adegua.

Leggi tutto: MILLEPROROGHE: SANZIONI SISTRI SLITTANO AL 2018

ASSIMILAZIONE: IL TAR DEL LAZIO CONDANNA IL MINISTERO A EMANARE IL DECRETO ENTRO AGOSTO

E' dall'emanazione del D.Lgs. 152/2006 che si attende chiarezza in merito alla assimilabilità dei rifiuti urbani. Si sono succedute numerose norme in materia, ma nessuna ha chiarito con certezza giuridica il problema. Tante sono state anche le sentenze che hanno sostanzialmente stabilito che i Regolamenti comunali sono legittimi se contengono la esatta determinazione della qualità e quantità di rifiuti assimilabili.

La sentenza n. 4611 del 13 aprile 2017 del TAR del Lazio richiama il fatto che ad oggi “… si continuino ad applicare i criteri per l’assimilazione previsti nella deliberazione 27 luglio 1984 del Comitato Interministeriale …“, ma che, in base all’art. 195 del D.Lgs 152/2006, il Ministero è tenuto ad adottare un decreto attuativo (fino ad oggi tanto atteso ma mai emanato – ndr).

Leggi tutto: ASSIMILAZIONE: IL TAR DEL LAZIO CONDANNA IL MINISTERO A EMANARE IL DECRETO ENTRO AGOSTO

Sottocategorie